home  |  passionisti  |  links   |  contatti   |    
 
 
 
 

Castità.

Se « la concupiscenza della carne » riguarda in genere l'amore disordinato ai piaceri dei sensi, in un significato più proprio sta a indicare l'inclinazione disordinata ai diletti carnali, ai quali si rinuncia con la virtù della castità, che ha per fine di « regolare e reprimere tutto ciò che v'è di di­ sordinato nei diletti della voluttà »

La castità, non meno della mortificazione, di cui. è il frutto più squisito, è quindi assolutamente necessaria a un seguace di Cristo, per vivere a lui unito, e per godere delle sue speciali preferenze, secondo che è scritto: « Ohi ama la purezza del cuore, avrà per amico il re del ciclo » (Prov. XXII, 11).

Per i Religiosi la castità importa doveri più estesi e più gravi, a causa del voto, col quale si obbligano ad osservare il celibato ecclesiastico, e ad astenersi, anche per motivo di religione, da ogni atto interno ed esterno, contrario al sesto e nono precetto del Decalogo.

I Santi hanno esaurito, per cosi dire, il repertorio d'elle più ielle ed enfatiche espressioni, per celebrare la grandezza e l'eccellenza di questa virtù, che è tra i fiori più belli del giardino dello sposo celeste « il quale si pasce tra i gigli » (Can tic. II, 16).

S. Paolo della Croce, scrivendo ad anime che della castità avevano il più alto concetto, si astie­ ne ordinariamente dal ripeterne le lodi; ma da pratico ed esperto direttore, ha somma cura di premunirle contro le tentazioni, cui questa de­ licata virtù è soggetta, spiegando loro il perché di queste tentazioni e il modo di riportarne vittoria.

Torna all' INDICE TEMATICO

 
 
 



LA BIOGRAFIA


LA MISTICA


REGOLE E COSTITUZIONI


LETTERE AI FIGLI SPIRITUALI


IL DIARIO SPIRITUALE


IL PASSIONISTA SECONDO S.PAOLO


MASSIME SPIRITUALI


LA VITA DI S.PAOLO IN IMMAGINI


PREGHIERE A S.PAOLO DELLA CROCE

 

 

 
 

home  | passionisti  | links  |  contatti   |  
Copyright ? No Grazie : diffondete, stampate e utilizzate il contenuto di questo sito