home  |  passionisti  |  links   |  contatti   |    
 
 
 
 

Pratica dell'ubbidienza.

 

Poiché « tutto ciò che è nel mondo è concupi scenza della carne, concupiscenza degli occhi e su­ perbia della vita» (I Ioan. II, 16), è chiaro che per rinnegare queste viziose tendenze, è necessario rinunciare al mondo, fino a poter dire con l'Apostolo: «.il mondo è a me crocifisso ed io al mondo » (Gal. VI, 14).

Disse Cristo agli Apostoli, e lo stesso ripete a tutti coloro che vogliono essere suoi seguaci: « Voi. non siete del mondo » (Ioan. XV, 19). Per questo i Santi odiarono il mondo e l'ebbero in abbomi nio; e, quando il dovere non richiedeva diversa­ mente, amavano ritirarsi nella solitudine, come nel luogo più adatto per trattare con Dio, e far profitto nella virtù.

Tra i Santi che più amarono la solitudine uno fu S. Paolo della Croce, il quale, fin dalla gioventù « fuggendo il mondo, nella solitudine pose sua dimora, ed ivi, come in una spirituale palestra, si addestrò alle più alte ascensioni dello spirito, sotto i soavi impulsi della grazia » (In Offic. S. Pauli a Cruce).

Dell'importanza detta solitudine egli parla da esperto maestro nelle sue Lettere, nelle quali ci da pure utili norme per la pratica.

Torna all' INDICE TEMATICO

 
 
 



LA BIOGRAFIA


LA MISTICA


REGOLE E COSTITUZIONI


LETTERE AI FIGLI SPIRITUALI


IL DIARIO SPIRITUALE


IL PASSIONISTA SECONDO S.PAOLO


MASSIME SPIRITUALI


LA VITA DI S.PAOLO IN IMMAGINI


PREGHIERE A S.PAOLO DELLA CROCE

 

 

 
 

home  | passionisti  | links  |  contatti   |  
Copyright ? No Grazie : diffondete, stampate e utilizzate il contenuto di questo sito