home  |  passionisti  |  links   |  contatti   |    
 
 
 
 

Umiltà.

La terza concupiscenza che, dopo quella della carne e degli occhi, tiene l'impero di questo mon­ do, è la « superbia della vita », ossia il desiderio disordinato di primeggiare sugli altri, di non voler sottostare ad alcuna autorità e di seguire in ogni cosa il proprio arbitrio.

È questa superbia uno dei più grandi mali del­ l'uomo, poiché da essa, dice lo Spirito Santo, ha origine ogni peccato (Eccli. X, 15) ; « sia direttamente in quanto gli altri peccati son tutti ordinati al fine della superbia che è la propria eccellenza; sia indirettamente in quanto l'uomo per la superbia disprezzando la divina legge si apre la via a commettere i maggiori delitti, secondo che è scritto in Geremia: spezzasti il mio giogo, rompesti i miei vincoli; gridasti non ser­ virò » (S. Thom. II, II, q. 162, a. 2).

Gli è per questo che l'umiltà, in opposizione alla superbia, è la prima e fondamentale virtù del cri­ stiano e del religioso.

Per entrare nel regno dei deli, bisogna farsi piccoli, poiché nell'economìa del regno di Dio « chi si esalta sarà umiliato e chi si umilia sarà esaltato » (Matt. XXIII, 12).

Per ben praticare questa virtù tanto necessaria sarà utile ascoltare quel che 8. Paolo della Croce ci dice sulla sua natura, necessità ed eccellenza.

 

Torna all' INDICE TEMATICO

 
 
 



LA BIOGRAFIA


LA MISTICA


REGOLE E COSTITUZIONI


LETTERE AI FIGLI SPIRITUALI


IL DIARIO SPIRITUALE


IL PASSIONISTA SECONDO S.PAOLO


MASSIME SPIRITUALI


LA VITA DI S.PAOLO IN IMMAGINI


PREGHIERE A S.PAOLO DELLA CROCE

 

 

 
 

home  | passionisti  | links  |  contatti   |  
Copyright ? No Grazie : diffondete, stampate e utilizzate il contenuto di questo sito